Strade più sicure subito!

Nella memoria collettiva sono ancora indelebili le scioccanti immagini dell’incidente sull’A2 a Quinto, quando il 26 luglio 2016 una famiglia intera (padre, madre e due bambini) è stata distrutta, schiacciata tra due veicoli pesanti. O ancora quelle dell’impressionante recente scoppio di un’autocisterna sull’A14 a Bologna. È per ridurre al minimo il rischio di incidenti come questi che il Ticino si è fatto avanti per promuovere una maggiore sicurezza nelle gallerie stradali e sui passi alpini svizzeri. È dunque con grande soddisfazione e sollievo che accolgo la decisione della Commissione dei trasporti del Consiglio Nazionale di dare luce verde a “Strade più sicure subito”, iniziativa cantonale presentata dal Gran consiglio ticinese. Partendo da uno spunto molto interessante del collega Bruno Storni, il Parlamento ha ritenuto che consentire l’accesso alle gallerie stradali alpine svizzere solo ai mezzi pesanti dotati di sistemi di sicurezza al passo con i tempi costituisse un importante passo avanti. Ma non solo. Sposando le modifiche proposte nel mio rapporto, redatto a nome dalla Commissione della gestione e sottoscritto all’unanimità, la limitazione del transito ai veicoli pesanti non dotati di avanzati sistemi di sicurezza viene estesa anche alle strade dei passi alpini. È dunque fondamentale non attendere la realizzazione della seconda canna autostradale del San Gottardo per aumentare la sicurezza e che quanto proposto venga esteso a tutte le gallerie stradali e ai passi alpini. La tecnologia per rendere le nostre strade ancora più sicure esiste, una tecnologia affidabile, consolidata ed economicamente sostenibile che permette di salvare vite umane. Questa misura avrà inoltre un impatto positivo su tutta la rete stradale, e non solo su quella alpina, come sottolineato dalla Commissione dei trasporti del Consiglio degli Stati. Penso ad esempio ai veicoli pesanti in entrata da Chiasso che percorrono tutto il Mendrisiotto, il Luganese ed il Sopraceneri, per raggiungere destinazioni a Nord delle Alpi. È doveroso ricordare che per i trasportatori locali che percorrono pochi chilometri è prevista una deroga, in modo da non penalizzare le aziende ticinesi e svizzere.

Ora Berna ha due anni di tempo per attuare l’iniziativa del Canton Ticino, che dimostra così di poter essere d’esempio per il resto del Paese quando sa unire le forze per proporre idee valide e coraggiose!

Raffaele De Rosa
deputato al Gran Consiglio e relatore del rapporto sull’iniziativa cantonale “Strade più sicure subito!”

2019-01-10T09:56:04+00:00